Pizzoccheri mignon

Ricetta pizzoccheri alla valtellinese per bambini

gennaio 29, 2017
Foto Ricetta pizzoccheri alla valtellinese per bambini
Chi non ha mai mangiato i pizzoccheri alla valtellinese può approfittare di questa facile ricetta, adatta a tutta la famiglia, per provarli ed avere un motivo in più per apprezzare la cucina invernale. Iniziano i giorni della merla, riscaldiamoci con questo piatto della tradizione valtellinese semplificato negli ingredienti e nei procedimenti in modo da poterli fare con le nostre mani a partire da acqua e farina. Infatti i pizzoccheri comprati, con tutto rispetto, li trovo spesso troppo duri, invece fatti in casa vi assicuro che vengono più morbidi e gustosi senza troppa fatica. Ieri era una brutta giornata e quindi io e mio marito ci siamo divertiti a "bambinizzare" la ricetta dei pizzoccheri per farli gustare anche dai più piccini, sono nati dei pizzoccheri mignon molto apprezzati da nostro figlio, che ha anche assistito divertito alla preparazione.... non è la prima volta che noto che i bambini quando vedono come viene preparato un pranzo, magari partecipando attivamente, poi lo mangiano più volentieri!


Scheda

ETA' +15mesi
DIFFICOLTA' media
TEMPO 1 ora

Ingredienti

Per uno/due bambini più due adulti
-200 grammi farina di grano saraceno
-50 grammi farina grano tenero "0"
-175 ml di acqua
-150 grammi di formaggio Valtellina Casera
-300 grammi bietole
-3 o 4 patate medie
-parmigiano reggiano
-olio extra vergine di oliva
-qualche foglia di salvia

Preparazione

Foto Preparazione pizzoccheri alla valtellinese per bambini
1)Unite le farine in una ciotola, formate una fontanella e versate poco per volta l'acqua al centro, incorporando la farina con un cucchiaio. Quando tutta l'acqua sarà assorbita potete passare a lavorare l'impasto su un piano, per una decina di minuti. Il grano saraceno non ha glutine, quindi l'impasto tenderà a sbriciolarsi ma è giusto così.
2)Pulite le bietole e tagliatele grossolanamente. Sbucciate e tagliate le patate a grossi cubetti. Prelevate poi una manciatina di bietole e di patate e riducetele di pezzatura per i bambini (le patate di circa mezzo centimetro per mezzo centimetro).  Mettete sul fuoco una pentola per la versione adulti (con acqua salata) e una per quella bambini, immergete a freddo le patate nelle rispettive pentole.
3)Mentre le patate arrivano a bollore, prendete l'impasto e, usando un mattarello, stendetelo fino ad ottenere una sfoglia spessa qualche millimetro. Ricordatevi di infarinare il piano di lavoro per evitare che si attacchi la sfoglia. Ricavatene delle striscette da circa mezzo centimetro di larghezza per 5/6 cm di lunghezza. Prelevatene circa 30 grammi e ricavate i pizzoccheri mignon per le nostre piccole buone forchette, i nostri erano di circa tre millimetri. Usando un tarocco il lavoro sarà facilissimo. Non appena terminato l'acqua starà già bollendo e potrete buttare pizzoccheri e bietole insieme. Saranno pronti dopo 15 minuti.
4)Mentre verdure e pizzoccheri completano la cottura, tagliate a dadini il formaggio. Scolate prima il pentolino dei piccini (così nel frattempo si raffredderà un pò, mio figlio appena vede la pappa scalpita anche se è fumante e non ha ancora capito che deve aspettare che si raffreddi), unite il formaggio Casera, un pò di parmigiano e un filo di olio. Lasciateli abbastanza umidi in modo che si formi una bella cremina. Procedete poi con il condimento della versione adulti, aggiungendo qualche foglia di salvia tritata (se piace).
Buona pappa!

Consigli

I pizzoccheri possono anche essere preparati in anticipo e poi passati in forno a gratinare con un po' di parmigiano in una pirofila, bisogna solo evitare che si asciughino troppo in superficie altrimenti i bambini faranno fatica a mangiarli. Questa è un'ottima soluzione se volete giocare di anticipo approfittando della nanna pomeridiana o se volete offrire questo gustosissimo piatto unico ai vostri ospiti senza farsi trovare con le mani ancora infarinate!

Foto Assaggio pizzoccheri alla valtellinese per bambini

Condividi

Se ti è piaciuto questo post condividilo
Se vuoi rimanere sempre aggiornato segui Piccole buone forchette su Facebook!